Case study
Lavorazione e conservazione della carne: il caso Lombardia Carni

Lavorazione e conservazione della carne: il caso Lombardia Carni

Tra gli alimenti dalla degradazione più rapida, si annoverano le carni, la cui shelf-life è, di conseguenza, molto breve. Le aziende specializzate nella lavorazione di questi alimenti sono costantemente alla ricerca di soluzioni in grado di prolungare la vita a scaffale della carne, ma anche capaci di valorizzare il gusto, l’aspetto, il profumo. È il caso di Lombardia Carni che si è rivolta a SIAD per individuare prodotti e tecnologie all’avanguardia.

Il Cliente

Lombardia Carni, con quarant’anni di esperienza nel settore della carne, è specializzato nella lavorazione e trasformazione di carne fresca bovina e suina di origine italiana o estera. Opera da due generazione seguendo l’intera filiera: dalla selezione dei capi alla produzione, dalla trasformazione alla distribuzione, passando dal taglio al confezionamento in sottovuoto e in atmosfera protettiva.

 

La sua esigenza

Nata come macelleria al dettaglio, Lombardia Carni combina questa expertise con un’organizzazione manageriale e una costante innovazione produttiva. Qualità, sicurezza, igiene sono i principi di Lombardia Carni che si è rivolta a SIAD per la fornitura di prodotti necessari a tutti i diversi stadi del processo produttivo, dal taglio alla macinazione della carne, dal confezionamento al trasporto del prodotto finale.

 

L’intervento di SIAD

In campo alimentare SIAD ha messo a punto Foodline, linea di gas o miscele di gas (azoto, ossigeno, anidride carbonica e argon),utili a migliorare la conservabilità e la shelf-life nell’ambito  confezionamento di cibi. In particolare, per esaltare le caratteristiche delle carni rosse di alta qualità, SIAD ha sviluppato una miscela ad alto contenuto di ossigeno, necessario al mantenimento del colore rosso vivo naturale, in modo da evitare l’imbrunimento e l’irrancidimento dei grassi.

Oltre a ciò, SIAD propone soluzioni studiate per l’abbattimento della temperatura, la surgelazione o crostatura, la termoregolazione, le analisi di laboratorio e il trasporto refrigerato.

  • L’operazione di freezing, con azoto o CO2, è molto più rapido rispetto all’utilizzo di mezzi meccanici, con importanti benefici sia in termini di qualità, sia di sicurezza alimentare.
  • Il cooling superficiale (crusting) dà più consistenza a un prodotto tenero prima del confezionamento e nelle fasi di porzionatura, con l’obiettivo di ridurre gli sprechi e migliorare le fasi di taglio.
  • La termoregolazione con ghiaccio secco o con neve carbonica mantiene sotto controllo la temperatura durante le fasi di miscelazione degli impasti, come i preparati per gli hamburger, impedendo la proliferazione batterica.

 

I risultati ottenuti

Una shelf life più lunga, carni dal profumo, dal gusto e dall’aspetto naturale e invitante: l’intervento di SIAD ha permesso di ottimizzare i processi di Lombardia Carni, per ottenere un prodotto di qualità ancora più elevata, dalla vita a scaffale maggiore con Foodline. Prodotto dalla consistenza ancor più tenera e dalla massima sicurezza alimentare grazie alle operazioni di crusting e termoregolazione.

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Archivio case study
Vedi tutti i case study
Hai dubbi o curiosità? Vuoi ricevere maggiori informazioni?

Scrivi un'e-mail a foodandbeverage@siad.eu, ti risponderemo al più presto!

magazine
Gas per il settore food
Impianti per il settore food

Chi siamo

Gruppo SIAD, un secolo di storia nella produzione di gas

Tra i principali gruppi chimici italiani, SIAD è leader nella produzione e commercializzazione dell’intera gamma di gas industriali, speciali, medicinali e dei servizi connessi. L’attività si estende a settori in sinergia con quello dei gas, tra cui spiccano Wine, Food and Beverage.